E’ ora di partire!

madonna-fatima-statuaCi abbiamo impiegato qualche mese a ingranare, dopo quel primo incontro di settembre, sotto l’egida di Vienna e delle grandi glorie mariane, ma finalmente sembra ce l’abbiamo fatta. Può essere un caso – o invece Provvidenza! – che il tempo e le idee per rendere operativo e accattivante il sito e il lancio della nostra proposta siano coincise con il giorno di lancio di La Croce, il quotidiano dei cattolici pro-life capitanato da Mario Adinolfi. Un caso o un augurio: ogni rosario inizia con un segno di croce e, in un certo senso, la differenza tra un rosario e una collana, sta proprio in quella croce che ne occupa l’estremità.

La-Croce-adinolfi-mamma

A dire il vero le umane spiegazioni sono più semplici, ma non meno sconcertanti, e a darci lo scossone è stato l’articolo del Timone, almeno indirettamente. Da lì infatti abbiamo scoperto l’esistenza di Rosario per la Spagna: a colpirci particolarmente e favorevolmente è la consonanza di intenzioni di preghiera.

“Era prevedibile, per cosa altro aveste voluto pregare?” Avremmo potuto pregare per molto altro, oppure anche avremmo potuto non pregare. No davvero, non sono tempi di prevedibilità per la fede. Sono tempi in cui raccogliere segni, per non essere come quelli che “hanno occhi e non vedono”, e una volta raccolti i segni, darsi da fare. Uniamo le forze, dunque. La macchina di Rosario per l’Italia è pronta a partire, non ci sono scuse: il sito, il blog, facebook, una bella grafica, con tutti gli investimenti del caso annessi e connessi. Ora si tratta di unire le energie e di prendere tra le mani questo strabenedetto Rosario e di sgranarlo per il nostro strabenedetto Paese. due volte di più se pensiamo al nuovo cambio di guardia cui ci prepariamo nei prossimi venti giorni…

>>>ANSA/ SCONTRO SU 'SALVACONDOTTO' AL CAV; COLLE, NO INTRUSIONI

Per chiudere, ecco qualche aggiornamento tecnico. Mancano pochi dettagli, mentre altri sono già andati a segno.

A segno è andata la data: il 12 del mese. Non si tocca. Per essere solidali con Rosario per la Spagna, ma anche per esser chiari circa l’organizzazione, soprattutto se essa raggiungerà realmente – come auspichiamo – estensione nazionale.

FB_IMG_1421194146392 (1)

A segno le intenzioni di preghiera, che potete già sbirciare sulla pagina Facebook insieme al nuovo logo, e di cui nelle prossime settimane daremo presentazione.

A brevissimo comunque sarà disponibile su questo sito la pagina che indica come vorremmo fosse realizzato Rosario per l’Italia: cose semplici, che però ci accomunino, ci diano sostegno reciproco e rendano pubblicamente riconoscibile l’iniziativa, piazza dopo piazza, regione dopo regione.

Dateci invece qualche giorno in più per sistemare il calendario on-line su cui sarà possibile segnare personalmente i Rosari che ognuno vorrà recitare da casa propria. Iniziate a pregarli e ad unirvi alle nostre comuni intenzioni! Poi, appena risolti gli ultimi inceppi tecnici, potrete venire anche a segnarvi sulla tabellina che disporremo appositamente.

Ave Maria!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *